Servizi di aggiornamento e formazione professionale
Ratio Quotidiano

Gestione d'impresa

Rifinanziamento per la ”Nuova Sabatini”

La legge di Bilancio 2022, oltre a prevedere 900 milioni, ha ripristinato anche l’erogazione del contributo in più quote.

L’incentivo per l’acquisto e il leasing di beni strumentali “Nuova Sabatini” viene rifinanziato per 900 milioni fino al 2027. La legge di Bilancio, all’art. 1, c. 48, ha altresì disposto il ripristino dell’erogazione del contributo in più quote per le domande presentate dalle imprese alle banche dal 1.01.2022, ferma restando la possibilità di procedere all’erogazione in un’unica soluzione, nei limiti delle risorse disponibili, in caso di finanziamenti di importo non superiore a 200.000 euro. In entrambi i casi, si potrà richiedere il contributo a conclusione dell’investimento, da effettuarsi entro 12 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento, pena la revoca dell’agevolazione. A tale fine è presa in considerazione la data dell’ultimo titolo di spesa riferito all’investimento o, nel caso di operazione di leasing finanziario, la data dell’ultimo verbale di consegna dei beni.

La misura agevolativa “Nuova Sabatini” ha l’obiettivo di rafforzare il sistema produttivo e competitivo delle Pmi, attraverso l’accesso al credito finalizzato all’acquisto, o l’acquisizione in leasing, di beni materiali (macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa, attrezzature nuove di fabbrica e hardware) o immateriali (software e tecnologie digitali) ad uso produttivo. In particolare, a fronte della concessione di un finanziamento (bancario o in leasing finanziario), di durata massima di 5 anni e di importo compreso tra 20.000 euro e 4 milioni di euro, per la realizzazione di un programma di investimenti, il Ministero concede un contributo pari all’ammontare complessivo degli interessi calcolati, in via convenzionale, sul predetto finanziamento al tasso annuo del:

  • 2,75% per la realizzazione di investimenti “ordinari”;
  • 3,575% per la realizzazione di investimenti in “tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti” (c.d. investimenti 4.0).
L’importo effettivo erogabile si riduce per le medie imprese del Centro Nord, ubicate in aree non in deroga; per queste il contributo massimo non può eccedere il 10% della spesa effettuata, corrispondente al massimale concedibile in base ai principi comunitari.

La domanda deve essere compilata dall’impresa in formato elettronico, utilizzando l’ultima versione del modulo resa disponibile nella sezione del sito del Ministero dello Sviluppo Economico, Sezione “BENI STRUMENTALI (NUOVA SABATINI) – Presentazione domande”.
Il contratto di finanziamento deve essere stipulato entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di ricezione del provvedimento di concessione del contributo, che a sua volta viene adottato dal MiSE entro 30 giorni dalla ricezione della relativa delibera di finanziamento trasmessa dalla banca/intermediario. La stipula del contratto di finanziamento può avvenire anche prima della ricezione del provvedimento di concessione del contributo.

26/01/2022
Finanziamento
|
Nuova Sabatini
|
Legge di Bilancio 2022

Per approfondire tutte le notizie di questo servizio: