Servizi di aggiornamento e formazione professionale
Informazione Quotidiana

Imposte e tasse

Riforma Irpef nella legge di Bilancio 2022

  • La nuova struttura dell’Irpef viene ridefinita tramite una serie di interventi:
    • la modifica degli scaglioni con la diminuzione del numero da 5 a 4, eliminando l’attuale 4° scaglione e restringendo l’ampiezza di quello precedente, il cui margine superiore è ridotto da 55.000 a 50.000 euro;
    • il taglio dei valori delle aliquote del 2° e del 3° scaglione, che passano rispettivamente dal 27% al 25% e dal 38% al 35%;
    • l’aumento delle detrazioni sui redditi di pensione e di lavoro autonomo;
    • il significativo incremento della detrazione spettante ai percettori di redditi di lavoro dipendente, anche attraverso l’assorbimento del relativo “bonus”, che permane solamente per i redditi fino a 15.000 euro; 
    • l’introduzione di detrazioni aggiuntive (65 euro per i dipendenti con redditi tra 25.001 e 35.000 euro; 50 euro per i pensionati con redditi tra 25.001 e 29.000 euro e per gli autonomi con redditi tra 11.001 e 17.000 euro).
  • Il campo di operatività delle detrazioni, per effetto della revisione degli scaglioni, si restringe: se nell’attuale regime Irpef le detrazioni dispiegano i propri effetti fino a 55.000 euro di reddito, nel nuovo modello saranno attive fino ai redditi di 50.000 euro.
  • I contribuenti che traggono i maggiori vantaggi sono i lavoratori dipendenti con redditi di 40.000 euro, che beneficiano di un risparmio massimo di 945 euro, e i lavoratori autonomi e i pensionati con redditi di 50.000 euro, che godono di un taglio dell’imposta rispettivamente di 810 e 758 euro annui.
  • Il complesso degli interventi determina risparmi d’imposta per la quasi totalità della platea dei contribuenti Irpef, rimanendo esclusi solo i c.d. “incapienti”, ovvero i soggetti che godono di detrazioni più alte dell’imposta lorda.
  • Il nuovo assetto Irpef rende leggermente più armonica la crescita della curva di progressività, migliorando l’equità verticale del modello; tuttavia, resta ancora aperto il problema dell’equità orizzontale: a parità di imponibile, infatti, il carico impositivo varia, anche significativamente, a seconda della tipologia di reddito prodotto. 

30/12/2021
Irpef
|
Legge di Bilancio 2022

Per approfondire tutte le notizie di questo servizio: