Il commento e la critica delle più importanti notizie del momento

 

Sindaci comunque responsabili dall'entrata in carica

09/08/2019

  • La Cassazione, con la sentenza n. 20651/2019, si è espressa in tema di mancata impugnazione, da parte dei sindaci di una società di capitali, della delibera di approvazione del bilancio relativa a esercizi precedenti la nomina. Nel caso specifico i sindaci risultano nominati in occasione dell’assemblea di approvazione del bilancio d’esercizio, esprimendo il loro favorevole e non provvedendo ad accertare irregolarità legate alla gestione precedente, compiute dall’amministratore unico della Srl.
  • Il fatto che l’organo di controllo entri in carica in occasione dell’approvazione, in altre parole, non escluderebbe l’obbligo di valutazione relativo al bilancio approvato nell’occasione della nomina, determinante ai fini della situazione iniziale della società rispetto al nuovo assetto organizzativo. In particolare, i giudici si soffermano su come anche la legittimazione all’impugnazione delle delibere trovi riscontro nei compiti specifici del nuovo organo, specialmente in presenza di atti irregolari compiuti dagli amministratori.
  • La nomina avvenuta in occasione dell’approvazione non escluderebbe la necessità da parte dei sindaci di provvedere all’impugnazione della deliberazione, al fine di ripristinare la corretta gestione della società e, dal punto di vista puramente inerente il bilancio, nelle parole della Corte, “consentire il doveroso ripristino della regolare rappresentazione della realtà patrimoniale, economica e finanziaria della società nella sequenza dei successivi periodi contabili”.
  • L’azione, necessaria, rientrerebbe nei doveri sanciti in particolare dall’art. 2403 C.C. a causa del fatto che l’attività irregolare degli amministratori conserva riflessi sugli esercizi futuri.