Il commento e la critica delle più importanti notizie del momento

 

Tributi locali maggiorati in oltre 200 Comuni

09/08/2019

  • Secondo uno studio pubblicato dal sindacato UIL il 26.07.2019, in oltre 215 Comuni Italiani si sarebbe riscontrato un aumento delle aliquote previste per la determinazione dell’Imu sugli immobili. Inoltre si riscontrerebbe una analoga tendenza rispetto alle addizionali comunali Irpef, con aumenti segnalati in 566 Comuni (rappresentanti circa il 14% del totale), e Tari, incrementata dalle amministrazioni di 44 capoluoghi.
  • La segnalazione si contestualizza dopo un sostanziale blocco delle aliquote durato circa 3 anni, a cui è seguita la facoltà concessa (dalla legge di Bilancio) agli enti locali di deliberare incrementi per il 2019.
  • L’ambito Tari merita una riflessione specifica: si segnalano, infatti, sia aumenti che alcune (non molte) riduzioni. Non moltissimi capoluoghi hanno deliberato modifiche importanti, anche se a dire il vero la ragione principale sarebbe riscontrabile nel fatto che in tali contesti il livello di aliquota massimo previsto dalla legge risulta già raggiunto da qualche anno.
  • In tale ambito specifico, infatti, su 4.078 Comuni che hanno comunicato le delibere al Ministero dell'Economia, ben 566 (il 14%) ha scelto di aumentare le aliquote e/o rimodulare i livelli di esenzione. Tra le città figurano ben 7 capoluoghi di Provincia (Mantova, Rimini, Barletta, Avellino, Trapani, Lecce e Carrara).