Servizi di aggiornamento e formazione professionale

Notizie Ratio dal Centro Studi Castelli

Informazione Quotidiana

Imposte e tasse

Dichiarazione integrativa per la revoca della rivalutazione

  • L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n. 370046/2022, ha chiarito come procedere per revocare la rivalutazione e i riallineamenti dei beni immateriali, dopo la modifica della deducibilità passata da 18 a 50 anni.
  • Tale revoca può essere esercitata entro il 28.11.2022 tramite la presentazione di una dichiarazione integrativa per il periodo d’imposta in relazione al quale l’opzione è stata esercitata e potrà essere richiesto il rimborso del credito o l’utilizzo in compensazione senza limiti.

30/09/2022
Rivalutazione
|
Revoca
|
Dichiarazione integrativa
Informazione Quotidiana

Imposte e tasse

Concetto di fattura e detrazione Iva

  • La Corte di Giustizia Europea, nella causa C-235/21, ha affermato che può essere considerata una fattura qualsiasi documento o messaggio che presenti le informazioni previste dalla normativa dell’Iva. Di conseguenza, anche il contratto che, quindi, può consentire al cessionario/committente di detrarre la relativa imposta senza attendere che il fornitore abbia provveduto a dichiarare e versare la relativa imposta.

30/09/2022
Contratto
|
Fattura
|
Detrazione IVA
Informazione Quotidiana

Imposte e tasse

Canoni rimborsati al professionista sono reddito

  • L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’interpello 28.09.2022, n. 482, afferma che i canoni di locazione rimborsati al professionista costituiscono redditi di lavoro autonomo.
  • Nella risposta, citando le risoluzioni n. 356/2007 e 106/2010, l’Agenzia ricorda che le somme atte a risarcire le spese sostenute dal professionista per la produzione del reddito, rappresentano a tutti gli effetti il rimborso di un costo sostenuto e dedotto dal reddito: in quanto tali hanno rilevanza reddituale e devono essere sottoposti a tassazione nell’anno di percezione. 

29/09/2022
Professionista
|
Canone di locazione
Informazione Quotidiana

Diritto del lavoro

Comunicazioni per lavoro agile

  • Il Ministero del Lavoro, con una notizia pubblicata sul sito Internet, ha comunicato la riattivazione della procedura semplificata per le comunicazioni di lavoro agile, precisando che può essere utilizzata solo per trasmettere le comunicazioni che si riferiscono a periodi di smart working che terminano entro il 31.12.2022.
  • Se il lavoro agile va oltre il 31.12 nei casi in cui è già stato stipulato l’accordo individuale, la trasmissione dei dati deve avvenire esclusivamente con la procedura ordinaria, nel rispetto della scadenza del 1.11.2022.
  • I datori di lavoro che, dopo il 31.08, hanno continuato ad avvalersi di lavoratori agili, potranno trovarsi nelle seguenti situazioni:
    • comunicazione già effettuata in via semplificata, indicando una data di scadenza oltre il 31.08.2022: non si configura come variazione e non deve essere ripetuta;
    • nell’elenco inviato (semplificato) è stata indicata la scadenza del 31.08 ma il lavoro agile continua: si può ancora utilizzare la procedura semplificata, ma solo se non è stato sottoscritto l’accordo e indicando come nuova scadenza, al massimo, il 31.12.2022;
    • rapporto di lavoro agile che va oltre il 31.12.2022, senza accordo individuale: il datore di lavoro può avvalersi della modalità semplificata, indicando come scadenza massima la fine dell’anno,  continuando ad applicare le regole emergenziali, rimandando l’accordo al prossimo anno.
  • Dal 1.01.2023, salvo ulteriori proroghe, resterà attiva la sola procedura ordinaria con scadenza di trasmissione dei dati nei 5 giorni successivi.

29/09/2022
Smart working
Informazione Quotidiana

Varie

Comunicazioni tra PA e cittadino solo via Pec dal 2024

  • Lo schema di decreto del Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, trasmesso alla Conferenza delle Regioni, in attuazione delle previsioni del Codice dell’amministrazione digitale (D.Lgs. 82/2005), prevede che le pubbliche amministrazioni, gestori di servizi pubblici e controllate pubbliche, invieranno comunicazioni solo in forma elettronica dal 1.01.2024, anche ai cittadini che, a quella data, non avranno ancora un domicilio digitale.
  • Per colmare questa mancanza, verrà attribuito gratuitamente un domicilio digitale a quanti ne saranno ancora sprovvisti o qualora non risulti più valido quello detenuto.

29/09/2022
Pubblica Amministrazione
|
Pec
|
Domicilio digitale
Informazione Quotidiana

Imposte e tasse

Asseverazioni per crediti da sconto in fattura da bonus edilizi

  • Con un emendamento introdotto in sede di conversione del D.L. 115/2022, il legislatore ha previsto, nei casi di operazioni di sconto in fattura per crediti sorti prima delle misure ex D.L. 157/2021 (che hanno introdotto l’obbligo di visto di conformità e asseverazione), la limitazione della responsabilità solidale per un eventuale cessionario (le banche) ove il fornitore acquisisca “ora per allora” asseverazioni e attestazioni. 
  • L'obbligo di visto ed asseverazione, che circoscrive il concorso ai casi di dolo o colpa grave all'acquisizione postuma di visto/asseverazione, dovrebbe essere ragionevolmente riferito alle operazioni non ancora perfezionate, rispetto alle quali il cessionario (specie quello “qualificato”) possa esercitare una prerogativa negoziale, condizionandone la conclusione al buon esito di detti controlli e al riscontro delle relative evidenze documentali.

28/09/2022
Asseverazione
|
Sconto in fattura
|
Bonus edilizio
Informazione Quotidiana

Diritto del lavoro

Esonero contributivo con più rapporti di lavoro

  • L’Inps, con il messaggio n. 3499/2022, ha fornito le istruzioni operative per l’applicazione dell’aumento dell’esonero contributivo al 2%, previsto per il solo secondo semestre 2022 dal decreto Aiuti-bis, rettificando alcune indicazioni della precedente circolare n. 43/2022. In particolare, nel caso in cui un lavoratore intrattenga più rapporti di lavoro con diversi datori, il massimale utile per l’applicabilità dell’esonero opera autonomamente e, quindi, ognuno dei datori di lavoro applicherà la soglia di 2.692 euro. La stessa situazione riguarda l’ipotesi di lavoratori contemporaneamente titolari di rapporti di lavoro presso il medesimo datore, ma denunciati su distinti e autonomi flussi contributivi.

28/09/2022
Esonero contributivo